L'indicazione del nome della vigna e la sua ubicazione catastale creano per il consumatore un prezioso elemento di riconoscimento di quella microzona (cru), che racchiude peculiari fattori di privilegio, per i quali è stata prescelta. Le uve del Cilento Bianco sono state vinificate in singola partita e con lo stesso rigore di cantina il vino è stato preservato integro nella sua origine sino all'imbottigliamento e sono composte da varietà determinate dal disciplinare di produzione D.O.P. così ripartite: Fiano 70%, Malvasia 20%, altri 10%. La vendemmia viene di solito eseguita nella prima decade di settembre. La fermentazione dell'uva ammostata è stata controllata in modo che la temperatura non superasse mai i 18°C.

cellaia cilento bianco

SCHEDA

Zona di provenienza: Vigna Nova nel Comune di Agropoli , Salerno, Campania, Italia
Anno d’impianto: 1980
Tipo d’impianto: Guyot
Altitudine della giacitura: 230-250 metri s.l.m.
Tipo di terreno: calcareo-argilloso
Esposizione: nord, nord-est
Vendemmia: inizio settembre
Aspetto: limpidissimo. Colore giallo paglierino con unghia verdignola.
Bouquet: intenso con aromi e profumi delicati. Fruttato con una buona percezione di ginestra e mandorla.
Sapore: giustamente acidulo, sapido, pieno ed equilibrato, conferma le sensazioni olfattive.
Abbinamenti gastronomici: antipasti caldi di pesce, primi piatti con sughi di pesce (senza pomodoro), pesce lievemente grasso, frittura mista.
Valori analitici: gradazione 12,5% vol, acidità totale 6% - Ph 3,2.
Temperatura di servizio: 10°C.

TOP